Archivi tag: napoli

La Pace

La Pace

“La grande natura delle solitudini, nel cui cuore si nasconde il nido degli uomini, immerge nel suo calore, nella sua luce e nel suo profumo le loro piccole miserie, cosí che esse non prevalgano con il proprio odore. Ma la natura non si toglie mai il manto di tristezza. Fino a metà estate vaga su tutta la terra come una speranza, ma, prima ancora che venga soddisfatta, si trasforma in una vibrazione di ricordo. (Frans Eemil Sillanpää)”

Gioia

Gioia una canzone di Tommaso Primo.
Gioia ca’ ‘a sera arriva ‘ngopp’ ‘o barcone
pazzea cu’ l’acqua ‘e mare
e trase ‘ndo core acciso de’ perzone
‘ngopp ‘a stu munno amaro
Gioia che ‘a sera trase dinto a nu vascio
‘nzieme ‘e suonne, ‘nzieme ‘e paure
e chi ‘a notte tene l’arraggio
e po’ fa capa e muro
Gioia ca’ cade ‘a cielo comme ‘na stella
e canta ‘a nonna nonna
e fuje ‘a ‘nde penziere da ‘cchiù bella
quanno s’aiza ‘a gonna
Gioia ‘e chi ‘a notte nun ‘ffa ‘cchiù ‘o mestiere
e cerca chiano ‘e scalà ‘o funno
‘ngopp’ ‘a sti vicole de’ quartieri
sta chi vò cagnà ‘o munno

Gioo-o-ia,
ca’ vene e se ne va
ascarfa ‘nzieme ‘o sole
chi nun sente ‘cchiù dolore
Gioo-o-ia,
p’ ‘e strade e p’ ‘e città
s’ammesca cu ‘e parole
‘e chi te dice ammore

Gioia ‘e chi aderoppo tiempo trova ‘a fatica
‘e po’ crescere ‘e figlie
Gioia ‘e chi se sceta e tene n’amico
che glie da nu’ cunsiglio
Gioia ‘e chi se vasa sott’a luna
allucca forte ammore mio
‘e chi fa pace cu’ ‘a fortuna
e ‘a notte ‘ncontra ‘a ‘Ddio

Gioo-o-ia,
ca’ vene e se ne va
appriesso ‘a chi conta ‘e storie
e bell’ ‘e ‘bbuono more
Gio-o-ia,
è un figlio che verrà
l’allucco chieno ‘e foja
‘e chi ce crede ancora
Gioia ‘e chi se ne fotte
‘e tutte ‘e ghiuorne votta a campà
chi capisce pe’ primmo che ‘a vita ce sfotte
e po’ … vò sulo pazzià…
Gioia ‘e chi se spoglia annure
abbraccia ‘a ‘ggente pe’ ‘nmiezo ‘e ‘vvie
Gioia ‘e chi nun tene paura do’ scuro
e dice chesta ‘e ‘a casa mia

Adounabi kén deukoufi ,
lo fi guisse dafay diekh.
Sofi guisse koula beugue,
kou la beugue nguir yallah,
Japaleko mou japalela,
nguene anda sey mou nekh
lo fi guisse dafaye diekhe, dafay diekh, dafay diekh

Gioo-o-ia,
‘e chi nun sape che ‘ffa
aspetta tutt’ ‘e notte ‘e te tenè vicino
e po-o-o,
appriesso ‘o suonno va
vedendo te ca’ tuorne ‘nda luce da matina

L’arte della felicità: Come andare al cinema e ritrovarsi con un gioiello tra le mani.

Fin quando i musicisti guideranno i taxi, fin quando i poeti serviranno ai tavoli, fin quando i migliori saranno al soldo dei peggiori…allora stiamo andando dritti verso l’apocalisse.

Piccolo manuale della felicità. Così descriverei L’arte della Felicità, film di Alessandro Rak, che ho avuto il piacere (e l’onore di vedere). Una Napoli triste, piovosa, piena di cumuli di immondizia e una storia.

Sergio Cometa, un ex- musicista che ha ereditato la licenza dello zio. Un uomo perso, senza più una direzione, privo dell’unica stella che gli segnava il cammino, suo fratello Alfredo, che ha lasciato tutto per seguire il Buddismo. Un uomo che vive con il rimpianto di non aver potuto esaudire il sogno di diventare musicista con il fratello.

Ma una serie di incontri, pittoreschi, belli ed emozionanti non fanno altro che indirizzare Sergio verso l’unica direzione che si era rifiutato di percorre, portandolo finalmente a prendere le redini della sua vita in un impulso esistenziale che lo riporterà ad essere felice.

Un film disegnato bene, raccontato in maniera incredibile ed emozionante, con una colonna sonora da brividi. Un film che ho visto senza sapere nulla della trama, sapendo che il disegnatore aveva curato la grafica dei due album della band napoletana Foja (di cui possiamo ascoltare alcune tracce), e ritrovarmi lì, in quel cinema è stata un’illuminazione. E’ un po’ come quando incontri un vecchio amico che non vedi da una vita e ti ricordi dei momenti belli che hai passato con lui e ti viene voglia di riaverli, una sorta di carburante per l’anima. E’ esattamente la tisana di cui hai bisogno quando sei stanco e l’unica cosa che vuoi e riposarti, sorseggiare qualcosa di caldo e che ti dia un piacere sottile, che riscalda le membra.

Si possono dire tante cose sull’ arte della felicità. Ma credo che per me è il film che avrei dovuto vedere. Un film che ti pone domande non semplici come “Cos’è la felicita ?” “Come la si raggiunge ?” “qual’è il segreto della felicità ?” Interrogativi esistenziali, perché in effetti siamo tutti dei tassisti perduti che caricano passeggeri, infelici, allegri, malinconici, che ci raccontano la loro vita, ma non hanno nemmeno un riguardo di noi.  Abbiamo tutti la sensazione di essere un po’ impantanati in una città piovosa piena di rifiuti, che non ci da scampo alla ricerca di noi stessi.  Eppure, possiamo tornare a vedere il sole, possiamo riscoprirci e imparare ad essere felici. E il film prova a darti delle risposte semplici, forse basilari ma che tendiamo a dimenticare perché vivere in una società che identifica la nostra identità con le cose che possediamo ci porta a dimenticare il concetto semplice quanto profondo di felicità intesa come bene collettivo perché, come dice Alfredo Cometa:

Noi siamo vasi comunicanti, devi cercare di essere felice. Fallo per il mio bene

Esperimenti linguistici

Ho sempre trovato affascinante il dialetto Napoletano e ho sempre notato delle sfumature di significato che non possono essere tradotti in italiano. Concetti, molti noti, molti più di nicchia ma che comunque rendono questa lingua (perché è fondamentalmente una lingua) una delle più affascinanti.

Così ho provato a scrivere in Napoletano, con tutte le limitazioni legate all’ortografia (ho cercato dappertutto, ma mi sono dovuto affidare un po’ alla memoria e  un po’ a quel po’ che c’era in giro).

Spero apprezzerete 🙂

‘Na jatta

Comm a ‘na jatta,

sott a chesta neve,

cu doje uocchie

ca so’ doje sul,

tu me guarde,

io nun saccie che fa.

Me siente alluccà

o’ nomm tuoje

e je me sento

senza nu’ mare.

Strage d’irpinia:Perché?

Erano le 7:30 di questa mattina, accendo lo smartphone e, come sempre, do una scrollata agli ultimi post di facebook. Tra le tante cose futili ed inutili ecco che spunta un articolo pubblicato da un giornale locale e leggo la notizia. 39 Puteolani morti in un incidente nell’Irpinia. Rimango turbato, profondamente turbato. Ho avuto notizie frammentate per tutta la giornata, ma alla fine sono riuscito a capire la dinamica degli eventi, i nomi delle persone morte in questa strage e il mio turbamento non ha fatto che aumentare. In me si è formato come una specie di masso. L’idea che persone della mia città, del mio quartiere, siano potute morire in un modo così tragico apre una profonda ferita. Sfogliare la lista dei nomi, guardare le foto, sentirli familiari e pensare che probabilmente erano persone che vedevo ogni giorno, potevano essere amici dei miei nonni, potrei averli conosciuti da piccolo e averne perso il ricordo. Sapere che i loro volti erano volti di persone che avrei potuto incontrare una mattinata qualsiasi, mi lascia una sensazione di vuoto.

E’ stata aperta una ferita alla mia città…una città che ha già delle profonde cicatrici legate a tragici eventi come il bradisismo, dove i puteolani persero tutto e dovettero ricominicare. No, non è un dolore che Pozzuoli si merita. Nessuna città si merita questo. Non è accettabile. Non riesco ad accettarlo.  Sento il bisogno di tirare fuori queste parole per esorcizzare la mia angoscia, per dire a modo mio che in questo momento i miei pensieri sono per la mia città.

E no, non ho intenzione di rileggerlo, voglio lasciare questo flusso di pensieri, voglio lasciare che le mie parole siano espressione di una rabbia istintiva per quello che è successo.